veganch'io 2009Veganchio 2009 – IV edizione

Programma e foto del Veganch’io 2009

Lettera dal VEGANCHio 2009

Giugno 2009

Il veganch’io è un’esperienza che tutti i vegani d’Italia e non devono assolutamente fare. è un momento di aggregazione, conoscenze,  scambio di idee importante per chi considera il veganismo un punto di partenza. Tanto ancora c’è da parlare e chiarire sull’antispecismo e momenti come questo sono essenziali.

dscf4365Appena entrati nell’area adibita seguendo il vialetto della passeggiata siamo stati accolti da pannelli che ormai per tante persone sono visti e rivisti ma per chi non è pratico del contesto animalista sono di forte impatto per la crudeltà che testimoniano.
Anche il cimitero con le lapidi degli animali che a causa delle radicate tradizioni popolari vengono macellati era ben studiato.
C’era un’area per i bimbi dove si potevano sbizzarire creativamente.
Il nucleo centrale della manifestazione erano la cucina e il tendone sotto il quale, oltre a pranzo e cena, si sono svolti incontri e dibattiti ai quali potevano partecipare e intervenire tutti.

Ingenuamente sono passata vicino all’area presidiata dai cuochi, ho sussurato un’offerta di aiuto:  immediatamente sono stata fagocitata e introdotta nella perfetta macchina affetta/lava/servi dei Food Not  Bombs! (A proposito di liberazione umana!)
Ovviamente scherzo perchè mi sono divertita da matti!
Mi sono trovata immersa in un gruppo di persone con le quali, tra uno  zucchino e una cipolla affettata, ho parlato scambiato opinioni e  soprattutto riso!
dscf4470I cibi preparati dai FnB e dalle attiviste del bar erano supersucculenti, magnifici, buonissimi che dire … l’energia che si raccoglie durante questi giorni è un tesoro che va conservato e sfruttato nel modo migliore.

Ho acquistato degli opuscoli molto interessanti dal banchetto del vascello vegano, se avessi avuto + tempo avrei cercato altre cose perchè i libriccini che vendono sono molto carini! Si può far durare una settimana il Veganch’io?
(eh, eh …).
Peccato per il tempo, infatti alla sera ha sempre piovuto e questo ha limitato il mio shopping sfrenato al banchetto dell’usato che vi assicuro aveva di quei pezzoni da urlo!

dscf4526Probabilmente il mio entusiasmo è dovuto alla mia inesperienza e “verginità” in ambito animalista, ma mi è servito per fare un passo in +, chissà  magari ha funzionato per tanti altri vegani e non. Luca mi ha riferito di aver parlato tanto con le persone e di aver riscontrato  un grande interesse per i libri esposti dal banchetto di oltre la  specie (devo dire era tutti molto interessanti).

E ora il momento della barzelletta (ovvero tutto quello che gli onnivori umani dicono di noi): mi si avvicina una bimba che chiede alla mamma in merito al tema del festival e chi erano le persone che lo organizzavano. Risposta della mamma (che guarda un pannello di un animale scuoiato come se stesse  scegliendo un paio di scarpe)
“Ah si, sono quelli che non mangiano la carne degli animali”

Sara