veganch'io 2014Veganchio 2014 – IX edizione

Programma, foto, video e rassegna stampa del Veganch’io 2014

 

 

 

*Il 7 settembre c.a., il gatto trovato ferito nel parcheggio del Veganch’io, è deceduto. Dedichiamo la nona edizione del festival a questo senza nome che, con estrema delicatezza, si è fatto aiutare da alcun* di noi.

E’ più difficile onorare la memoria dei senza nome che non quella di chi è conosciuto.
Alla memoria dei senza nome è consacrata la costruzione storica.
— Walter Benjamin

IMG_0278Ciao a tutt*!
Il VEGANch’io 2014 è appena finito, stiamo sistemando il materiale riportato a casa, pagando le ultime fatture e già ci verrebbe voglia di essere al VEGANch’io 2015!!!

Questa lettera aperta per dire a tutt* coloro che c’erano (o che avrebbero voluto esserci) che questa edizione è stata proprio bella e che vorremmo essere ancora lì, tutt* insieme a Vimercate, per passare dell’altro tempo a discutere, parlare, giocare e mangiare insieme.
Durante i tre giorni si è percepita una bella energia e, a parte un piccolo incidente ad un piede di una volontaria, tutto è andato per il meglio. Tutto ha funzionato, anche la pioggia che è caduta (come sempre al VEGANch’io), ma nei momenti giusti, quando dava poco o nessun fastidio.
Il cibo ci è sembrato ancora più buono del solito e tutt* eravamo cordiali e sorridenti. Gentili. Pure i cani sembravano particolarmente giocosi e tranquilli…
IMG_0272Forse aleggiava un pochino di tensione all’ora dei pasti, quando la cucina entrava in fibrillazione, gli stomaci iniziavano a dolorare per la fame e i/le camerier* ad affaccendarsi di qua e di là nel tendone per cercare di accontentare tutt* nel più breve tempo possibile.
I workshop (compresi quelli del mattino) sono stati seguiti da molte persone e c’è sempre stato un bel dibattito, con interventi interessanti seppur talvolta animati e accesi. Anche questi sono segni di vitalità se il tono resta, come è stato, nei limiti del rispetto reciproco e del confronto corretto. Grazie davvero a tutt* i/le relatori/trici che hanno affrontato con serietà e impegno i temi a loro affidati.

Vogliamo ringraziare a gran voce i quasi 40 volontar* che ogni anno rendono possibile questo piccolo miracolo. Miracolo perché, vista l’assenza dell’aspetto commerciale, si alimenta solo di impegno gratuito ed entusiasmo. Loro sono il motore dell’iniziativa e pensiamo che l’impegno per gli animali si misuri anche attraverso il tempo e la qualità della fatica che ognuno di noi dedica alla causa. Le/Gli attivisti del Vascello Vegano, di APIDA e della Pentola Vegana sono sempre generos* e non si risparmiano mai.

DSC_2629Ringraziamo le associazioni che hanno partecipato con i loro gazebo e che hanno dato concretezza alle idee e alle speranze di noi tutti. Ci auguriamo che abbiano potuto diffondere le loro iniziative e le loro campagne e magari anche raccogliere qualche soldo per le loro attività.

Ringraziamo i/le giornalist* (professionist* e no) che si sono interessat* alla festa, che ci hanno aiutato a diffondere il programma e che ne hanno parlato nei loro articoli, sui loro blog, sui giornali per i quali lavorano.

Ovviamente un grazie anche ai nostri supporter (aziende e ditte che ci regalano materiale per poter risparmiare sulle spese della festa) e specialmente a quelli che ci sostengono da sempre o da molto tempo nonostante non possano commerciare direttamente i loro prodotti.

DSC_2705Se gli incontri e le feste animaliste, a volte, sembrano dei luoghi in cui si fa di tutto e di più fuorchè parlare di animali, crediamo che il VEGANch’io sia, invece, un’esperienza in cui, alla gioia di condividere insieme un weekend, si sovrapponga il costante ricordo di chi è il vero nucleo attorno al quale ruota tutto il resto: gli animali e la loro disperata condizione nella nostra società del dominio. Se in questo mondo senza speranza e senza futuro sembra esserci posto solo per gli umani (e solo per quelli ricchi, bianchi, possibilmente maschi), al VEGANch’io ci stringiamo ogni volta per fare posto, purtroppo solo idealmente, a chiunque (umano o non umano) abbia voglia di venire.

E come diciamo sempre… non basta amare gli animali, non basta dare una carezza al gatto di casa, non basta leggere tutte le etichette dei prodotti, non basta essere vegan!
Occorre cominciare a pensare che bisogna fare qualcosa di più!

Grazie di cuore a tutt* coloro che hanno partecipato e reso possibile l’evento.

Alla prossima!
Oltre la specie